Mercati e tendenze nelle materie plastiche (terza ed ultima parte)

TMP Mercati e Tendenze
Mercati e tendenze nelle materie plastiche (seconda parte)
marzo 2, 2016
PGBL Biodegradabili
Biopolimeri biodegradabili completamente riciclabili
marzo 14, 2016
Visualizza tutto
TMP Mercati e Tendenze

Con questa ultima recensione termina la rassegna degli interventi in programma al convegno organizzato da TMP (Associazione Italiana Tecnici Materie Plastiche, www.associazionetmp.com) dal titolo “Materie plastiche: mercati e tendenze” tenutosi presso la sede dell’Unione Industriali di Monza giovedì 12 novembre 2015.

Nel post del 22/02 abbiamo parlato degli interventi di Giuseppe Capparella (TMP) che ha introdotto il convegno con un excursus sul mondo del compound italiano e di Giuseppe Riva (PlasticsEurope) che ci ha relazionato sul mercato delle materie plastiche in Italia ed in Europa.

In quello del 02/03 abbiamo raccontato come Marco Chignola e Corrado Cecchini (Electrolux) ci hanno ragguagliato sulle esigenze attuali ed i prossimi sviluppi delle materie plastiche per la produzione di elettrodomestici ed Antonello Antoniazzi (ABB) abbia evidenziato le esigenze del progettista, i vincoli ed i trend produttivi per le materie plastiche per il settore elettrico.

Nel post di oggi ci occuperemo degli ultimi due interventi, ovvero di quelli di:

  • Maurizio Servetti (FCA Company) – Materie pastiche per il settore automotive, esigenze, limitazioni e innovazioni
  • Camillo Rovida (Versalis) – materie plastiche per l’imballaggio rigido, tecnologie, esigenze del mercato e sostenibilità.

Maurizio Servetti premette che, pur operando in molti scenari differenti, il mercato dell’automobile è un mercato globale ed i trend vanno considerati come tali. L’utilizzo delle materie plastiche è in continuo aumento perché offre una buona combinazione peso/prestazione e lascia maggiore libertà di design rispetto al metallo.

Nel segmento C, segmento di mercato auto preso come riferimento, i trend delle materie plastiche indicano che il PP tiene la posizione con circa il 50% mentre aumentano i quantitativi delle PA e delle leghe polimeriche.

Parlando dei “gradi” di PP attualmente disponibili, Servetti pone gli obiettivi principali per i produttori di compound:

TS > 150 MPa
CLTE < 50*10-6 °Cmm/mm
Densità < 1,1 g/cm3
Costi < 2 €/kg saved
Tecnologia Stampaggio ad iniezione
Estetica Antigraffio, classe A, Gloss <2

mentre prevede, nella evoluzione dei materiali a base PP:

  • Miglioramento delle caratteristiche meccaniche attraverso:
    • catene polimeriche modificate
    • migliore distribuzione dei filler nella matrice, riciclati low cost di fibra di carbonio, fibre naturali, nuovi filler (sfere vetro cave ad es.)
    • nuovi adhesion promoter per migliorare l’adesione all’interfaccia filler polimero

Stesso discorso per le PA. Obiettivi per i materiali disponibili sono:

TS > 250 MPa
CLTE < 30*10-6 °Cmm/mm
Resistenza termica > 180 – 200 °C
Densità < 1,35 g/cm3
Costi < 3 €/kg saved
Estetica Antigraffio, classe A, Gloss <2

specificando che l’aumento dell’applicazione delle PA sui veicoli è sostanzialmente dovuto a nuove applicazioni sotto-cofano e piccoli componenti meccanici.

I trend evolutivi delle PA prevedono un miglioramento delle caratteristiche meccaniche sulla falsariga di quanto precedentemente detto per il PP, nonché un miglioramento delle funzionalità, nella fattispecie:

  • conducibilità elettrica con filler base carbonio
  • stabilità termica utilizzando nano clay e POSS

Si sottolinea ulteriormente come le potenziali applicazioni auto delle PA siano sotto-cofano e componenti strutturali.

Servetti cita i blend polimerici PC-ABS, PC-ASA, PC-PET, PC-PBT, PA-ABS, PPE-PA, come blend attualmente in uso e porta un esempio del loro utilizzo nella realizzazione di una traversa urto posteriore della Jeep Renegade prodotta in:

  • blend PC-PBT per il mercato EMEA dove FCA ha ottenuto una riduzione di peso del 40% rispetto all’acciaio ed una riduzione di costo di 2,5 €/kg
  • blend PPO-PA e acciaio per il mercato NAFTA dove si è ottenuta una riduzione del 30% rispetto a tutto acciaio ed una riduzione costi di 1,5 €/kg.

Servetti conclude affermando che l’evoluzione dell’auto necessita dell’evoluzione dei materiali e che questi devono risultare più leggeri, performanti, piacevoli, confortevoli, più rispettosi della salute e dell’ambiente; che è in corso una leale concorrenza fra tutte le famiglie polimeriche al fine di raggiungere in modo sostenibile questi obiettivi; che la concorrenza sta portando ad un miglioramento importante sulle prestazioni dei materiali inimmaginabile solo pochi anni fa e che i produttori di veicoli  devono promuovere e ben finalizzare tutto ciò anche attraverso la cooperazione tra industria e ricerca.

Camillo Rovida di Versalis trattando l’imballaggio rigido, le tecnologie, esigenze di mercato e sostenibilità fa un intervento incentrato principalmente sulla domanda di materie plastiche e la sostenibilità ed il riciclaggio nel settore dell’imballaggio con una breve passerella sulle tecnologie di trasformazione.

Proprio da queste ultime cominciamo la nostra recensione: le tecnologie citate sono l’estrusione e lo stampaggio ad iniezione e, di queste,  sono elencati i principali settori applicativi dove, ovviamente, il packaging rigido è servito da entrambe. Viene fatto anche un breve confronto tra le due tecnologie per passare poi, attraverso l’estrusione, all’introduzione della termoformatura come processo di trasformazione.

Per quanto concerne la domanda di materie plastiche l’intervento ricalca un po’ quello di Riva di PlasticsEurope con un focus maggiore sulla domanda di stireniche:

Stireniche 2014

La sostenibilità degli imballaggi in materie plastiche è il punto focale della relazione di Rovida in cui è evidenziato che :

  • offrendo il medesimo servizio con molto meno materiale per unità funzionale paragonato ad altri materiali (con imballaggio plastico il rapporto in peso % prodotto/imballo è 96/4 mentre col non plastico il rapporto è 64/36)  e fornendo benefici sostanziale nella fase uso (prevenzione di perdita di cibo e trasporto efficiente), le materie plastiche contribuiscono ad un minore inquinamento dovuto al trasposto merci;
  • con la riduzione del peso degli imballi e l’incremento del riciclo delle materie plastiche si riduce anche l’emissione totale di CO2;
  • per meglio comprendere l’impatto dei vari materiali sull’ambiente e necessario considerare per intero il ciclo di vita
  • se sostituissimo le materie plastiche con altri tipi di imballaggio (es. carta e cartone, alluminio, vetro ecc.) avremmo:
    • 3,6 x aumento della massa per unità funzionale
    • 2,2 x aumento del consumo di energia sull’intero ciclo vita
    • 2,7 x aumento in emissioni di gas serra

Rovida ci ricorda anche che Versalis è direttamente coinvolta nel promuovere il riciclo del polistirene, sia meccanico, sia termico, sia chimico per raggiugere “zero packaging landfill” in Europa entro il 2025.

Chi volesse ricevere copia .pdf dei due interventi, mi contatti via mail.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su maggiori informazioni

Informativa ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/03 Codice in materia di protezione dei dati personali
I Suoi dati personali saranno trattati nel rispetto della disciplina di legge per l'evasione degli ordini, l'erogazione dei servizi per i quali è prevista la registrazione e per gli altri scopi indicati nella presente informativa; il trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza.
Le modalità del trattamento prevedono l'utilizzo di strumenti manuali, informatici e telematici (ivi compresi telefax, telefono, anche senza assistenza di operatore, posta elettronica, SMS ed altri sistemi informatici e/o automatizzati di comunicazione) e sono comunque tali da assicurare la sicurezza e riservatezza dei dati stessi.
Il titolare del trattamento è:

Massimo Riboldi | P.IVA 06836320967 | Via Emilia,12 - 20090 Segrate MI

Ai sensi dell'art.7 D.Lgs.196/03
1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
3. L'interessato ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
Lei potrà esercitare i Suoi diritti sopra indicati nonchè chiedere qualsiasi informazione in merito alla nostra policy di tutela dei dati personali inviando una comunicazione all'indirizzo sopra indicato o inviando una e-mail a: info@massimo-riboldi.it
Il mancato conferimento dei dati personali segnalati come obbligatori renderà impossibile l'esecuzione dell'eventuale ordine mentre il mancato conferimento di quelli non contrassegnati come obbligatori non ha conseguenze ai fini dell'esecuzione dell'ordine.
Previo Suo consenso, C.EL.M S.r.l. potrà trattare i Suoi dati personali per l'erogazione dei servizi per i quali è prevista la registrazione nonchè per finalità commerciali quali la segnalazione di offerte, promozioni o iniziative commerciali di qualsiasi genere avviate da essa o da altri operatori. In tali casi il conferimento dei dati non è obbligatorio e non incide sulla conclusione ed esecuzione dell'eventuale ordine.

Cosa sono i cookies
Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato sul computer di chi visualizza un sito web allo scopo di registrare alcune informazioni relative alla visita nonché di creare un sistema per riconoscere l'utente anche in momenti successivi. Gli identificatori dei dispositivi, invece, vengono generati raccogliendo ed elaborando alcune informazioni come l'indirizzo IP e/o lo user agent (versione del browser, tipo e versione del sistema operativo) o altre caratteristiche del dispositivo, sempre al fine di ricollegare talune informazioni ad un utente specifico.
Un sito Web può impostare un cookie sul browser solo se le preferenze configurate per quest'ultimo lo consentono.
E' importante sapere che un browser può consentire a un determinato sito Web di accedere solo ed esclusivamente ai cookie da esso impostati e non a quelli impostati da altri siti Web: non vi è alcun rischio per la vostra privacy in tal senso.
Al riguardo, e ai fini del presente provvedimento, si individuano pertanto due macro-categorie: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.

a. Cookie tecnici
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice). Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti, mentre resta fermo l’obbligo di dare l’informativa ai sensi dell’art. 13 del Codice, che il gestore del sito, qualora utilizzi soltanto tali dispositivi, potrà fornire con le modalità che ritiene più idonee.

b. Cookie di profilazione
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13, comma 3” (art. 122, comma 1, del Codice).
Per questi tipi di cookies, come specificato nel documento n. 2152939 del Garante della Privacy, non è richiesto il consenso preventivo e informato dell’utente (opt-in) a condizione che vengano offerte agli utenti modalità semplici per opporsi (opt-out).
Puoi gestire le tue preferenze sui cookies tramite browser
Se non conosci il tipo e la versione di browser che stai utilizzando puoi cliccare su “Aiuto” nella finestra del browser in alto, da cui puoi accedere a tutte le informazioni necessarie.

In particolare i cookie utilizzati in questo sito web servono per:
- memorizzare i dati inseriti dagli utenti durante la loro navigazione, in modo da velocizzare il caricamento delle pagine del sito web e l’inserimento di dati durante le visite successive;
- integrare il sito web con i principali social media (Facebook, Twitter, Google+, Pinterest, YouTube) e in particolare permettere all’utente di condividere i contenuti del sito su queste piattaforme;
- monitorare in forma anonima e aggregata le pagine consultate dagli utenti e altre informazioni sull’utilizzo che questi fanno del sito web, permettendo agli operatori che gestiscono il sito di migliorarne i contenuti e le funzionalità.

Cookie di terze parti
Per le finalità di integrazione con i social media questo sito può installare cookies provenienti dalle singole piattaforme, per le quali vi rimandiamo alle informative dei singoli portali.

Chiudi