Ftalati nei giocattoli, amianto in prodotti di seconda mano

Authorisation
ECHA propone 7 SVHC per la Authorisation List del REACH
febbraio 12, 2018
schede di sicurezza
Indagine sulla fruibilità delle schede di sicurezza.
febbraio 26, 2018
Visualizza tutto
amianto

L’ultimo progetto dell’ “Enforcement Forum” dell’ECHA (Ref-4), relativo alla restrizione delle sostanze ritenute potenzialmente dannose secondo il regolamento REACH, ha evidenziato serie violazioni ai requisiti.

Gli ispettori hanno controllato, nei 27 Paesi della UE/EEA, 1009 miscele, 4599 articoli e 17 sostanze. In totale, sui 5625 controlli effettuati, il 18% dei prodotti ha dato risultanze di non conformità.

Le violazioni più frequentemente rilevate sono:

  1. Ftalati nei giocattoli (il 20% dei più di 460 giocattoli ispezionati contiene il DEHP, DBP o BBP in quantità superiori a quanto ammesso, mentre il 10% dei più di 300 prodotti controllati contiene alti livelli di DINP, DIDP e DNOP). La restrizione per gli ftalati è stata introdotta al fine proteggere i bambini dagli effetti nocivi di queste sostanze chimiche: esse sono sospettate di essere tossiche per la riproduzione ed interferenti endocrini. La restrizione si applica a tutti i giocattoli ed i prodotti per bambini che contengono ftalati in concentrazioni superiori allo 0,1% in peso dell’articolo che può essere messo in bocca dai bambini. In tali ipotesi è allarmante aver trovato alte concentrazioni di tali sostanze nei giocattoli.

  2. Cadmio in leghe per brasatura (14%).

  3. Cadmio nei manufatti di gioielleria (13%). Oltre al cadmio sono stati trovati anche altri metalli pesanti in quantità “illegali”: piombo (7% dei pezzi ispezionati) e nichel (8%). Queste percentuali dimostrano che la presenza di metalli pesanti non è accidentale ma dovuta o all’uso cosciente da parte dei produttori o alla loro scarsa conoscenza di ciò che i loro manufatti contengono. Il rischio derivante dalla presenza di metalli pesanti è vario: il nichel causa allergie dermiche, il cadmio osteoporosi, cancro ed è nocivo per l’ambiente ed il piombo danni al sistema nervoso e influisce sullo sviluppo del cervello.

  4. Fibre di amianto in manufatti (14%). L’utilizzo delle fibre di amianto è ristretto nella EU da molti anni. Queste fibre possono causare cancro ai polmoni, alla laringe ed alle ovaie, oltre a fibrosi del polmone. I prodotti contenenti amianto al di sopra del consentito, come ad esempio riscaldatori catalitici, thermos e pastiglie dei freni, erano per lo più di seconda mano e probabilmente prodotti prima che entrasse in vigore la restrizione che vieta la vendita di prodotti contenenti amianto. Attualmente nella UE è proibito produrre, immettere sul mercato ed utilizzare fibre di amianto e manufatti contenenti amianto, ma ci sono alcune esenzioni: ad esempio se gli articoli contenenti le fibre di amianto sono state installati prima del 1 gennaio 2005, il loro uso è esente dalla restrizione.

  5. Cromo VI in articoli in pelle (13% dei circa 500 ispezionati). La restrizione riguarda quegli articoli che possono andare a contatto con la pelle i quali non devono contenere cromo VI in concentrazioni 3mg/kg.

  6. Mercurio in strumenti di misura. Sono stati verificati circa 400 strumenti di misura e quasi il 90% contiene mercurio in quantità superiori al lecito. Il metallo è tossico e l’inalare vapori di mercurio può causare danno al sistema nervoso, digestivo ed immunitario. L’alta percentuale di non conformità è dovuta al fatto che gli ispettori hanno controllato principalmente gli strumenti nei quali i fabbricanti dichiaravano la presenza del metallo, trascurando quelli dichiarati “mercury free”.

Violazioni sono state ravvisate anche nei confronti delle restrizioni riguardanti gli IPA (PAHs), anche se in maniera minore.

La maggior parte delle non conformità sono state riscontrate nei manufatti le cui origini non sono state identificate (39%) seguite da prodotti di origine cinese (17%).

Che cosa possiamo trarre dall’esperienza di questo progetto?

Le autorità;

  1. Dovrebbero avere come obiettivo di indagine quei prodotti per i quali gli interventi normativi possono portare il maggior beneficio per la salute e per l’ambiente. La loro attività dovrebbe focalizzarsi su quelle sostanze dove è stata ravvisata la percentuale più alta di non conformità: amianto, ftalati, metalli pesanti (Cd, Ni, Hg, Cr VI, Pb) e IPA.

  2. Dovrebbero ispezionare con maggiore frequenza degli altri tutti quei prodotti la cui origine non sia certa, ovvero quelli che non riportino il marchio di origine sull’etichetta.

  3. Effettuare, assieme alle aziende, analisi “onsite” per la verifica della conformità alle restrizioni.

  4. Sviluppare codici di nomenclatura combinati, da usare nelle dichiarazioni per l’export da paesi extra UE verso l’Europa, per tutte le sostanze, le miscele e gli articoli contenenti sostanze soggette a restrizione, potrebbe sveltire i controlli relativi e migliorare il lavoro delle dogane, nonché lo scambio di informazioni tra dogane ed autorità preposte ai controlli REACH

Le Società:

  1. Tutti i produttori o importatori di sostanze, miscele ed articoli devono conformarsi a quanto stabilito dal regolamento REACH in termini di restrizioni. Ciò significa che tutti i fornitori lungo la catena di fornitura sono responsabili per quanto di loro competenza. Quindi se si immette un prodotto sul mercato, si dovrebbe essere coscienti delle sostanze chimiche contenute, come viene fornito ed a chi.

  2. Testare proattivamente i prodotti e/o stabilire accordi con i fornitori per essere certi che non vi possano essere modifiche nella composizione chimica.

  3. Implementare sistemi di gestione delle non conformità per intervenire e correggerle rapidamente qualora una di esse sia rilevata per una sostanza, una miscela o un articolo.

  4. Consultare il RAPEX alert system (un portale dell’UE che elenca i prodotti trovati sul mercato che potrebbero mettere a rischio la salute e l’ambiente) per ottenere informazioni sui prodotti non conformi.

Prevenire i rischi è una responsabilità morale e legislativa e dovrebbe essere presa in seria considerazione ad ogni passaggio lungo la catena di fornitura, ma stando ai risultati di questo progetto sembra ci sia ancora molto da fare.

Fonte:

ECHA Newsletter 1/2018 – Febbraio 2018

Per saperne di più:

Enforcement Forum

REF-4 project report

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su maggiori informazioni

Informativa ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/03 Codice in materia di protezione dei dati personali
I Suoi dati personali saranno trattati nel rispetto della disciplina di legge per l'evasione degli ordini, l'erogazione dei servizi per i quali è prevista la registrazione e per gli altri scopi indicati nella presente informativa; il trattamento sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza e di tutela della Sua riservatezza.
Le modalità del trattamento prevedono l'utilizzo di strumenti manuali, informatici e telematici (ivi compresi telefax, telefono, anche senza assistenza di operatore, posta elettronica, SMS ed altri sistemi informatici e/o automatizzati di comunicazione) e sono comunque tali da assicurare la sicurezza e riservatezza dei dati stessi.
Il titolare del trattamento è:

Massimo Riboldi | P.IVA 06836320967 | Via Emilia,12 - 20090 Segrate MI

Ai sensi dell'art.7 D.Lgs.196/03
1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:
a) dell'origine dei dati personali
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
3. L'interessato ha diritto di ottenere:
a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
Lei potrà esercitare i Suoi diritti sopra indicati nonchè chiedere qualsiasi informazione in merito alla nostra policy di tutela dei dati personali inviando una comunicazione all'indirizzo sopra indicato o inviando una e-mail a: info@massimo-riboldi.it
Il mancato conferimento dei dati personali segnalati come obbligatori renderà impossibile l'esecuzione dell'eventuale ordine mentre il mancato conferimento di quelli non contrassegnati come obbligatori non ha conseguenze ai fini dell'esecuzione dell'ordine.
Previo Suo consenso, C.EL.M S.r.l. potrà trattare i Suoi dati personali per l'erogazione dei servizi per i quali è prevista la registrazione nonchè per finalità commerciali quali la segnalazione di offerte, promozioni o iniziative commerciali di qualsiasi genere avviate da essa o da altri operatori. In tali casi il conferimento dei dati non è obbligatorio e non incide sulla conclusione ed esecuzione dell'eventuale ordine.

Cosa sono i cookies
Un cookie è un piccolo file di testo che viene memorizzato sul computer di chi visualizza un sito web allo scopo di registrare alcune informazioni relative alla visita nonché di creare un sistema per riconoscere l'utente anche in momenti successivi. Gli identificatori dei dispositivi, invece, vengono generati raccogliendo ed elaborando alcune informazioni come l'indirizzo IP e/o lo user agent (versione del browser, tipo e versione del sistema operativo) o altre caratteristiche del dispositivo, sempre al fine di ricollegare talune informazioni ad un utente specifico.
Un sito Web può impostare un cookie sul browser solo se le preferenze configurate per quest'ultimo lo consentono.
E' importante sapere che un browser può consentire a un determinato sito Web di accedere solo ed esclusivamente ai cookie da esso impostati e non a quelli impostati da altri siti Web: non vi è alcun rischio per la vostra privacy in tal senso.
Al riguardo, e ai fini del presente provvedimento, si individuano pertanto due macro-categorie: cookie “tecnici” e cookie “di profilazione”.

a. Cookie tecnici
I cookie tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio” (cfr. art. 122, comma 1, del Codice). Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web. Possono essere suddivisi in cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookie analytics, assimilati ai cookie tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookie di funzionalità, che permettono all’utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l’acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso. Per l’installazione di tali cookie non è richiesto il preventivo consenso degli utenti, mentre resta fermo l’obbligo di dare l’informativa ai sensi dell’art. 13 del Codice, che il gestore del sito, qualora utilizzi soltanto tali dispositivi, potrà fornire con le modalità che ritiene più idonee.

b. Cookie di profilazione
I cookie di profilazione sono volti a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete. In ragione della particolare invasività che tali dispositivi possono avere nell’ambito della sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana prevede che l’utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi ed esprimere così il proprio valido consenso. Ad essi si riferisce l’art. 122 del Codice laddove prevede che “l’archiviazione delle informazioni nell’apparecchio terminale di un contraente o di un utente o l’accesso a informazioni già archiviate sono consentiti unicamente a condizione che il contraente o l’utente abbia espresso il proprio consenso dopo essere stato informato con le modalità semplificate di cui all’articolo 13, comma 3” (art. 122, comma 1, del Codice).
Per questi tipi di cookies, come specificato nel documento n. 2152939 del Garante della Privacy, non è richiesto il consenso preventivo e informato dell’utente (opt-in) a condizione che vengano offerte agli utenti modalità semplici per opporsi (opt-out).
Puoi gestire le tue preferenze sui cookies tramite browser
Se non conosci il tipo e la versione di browser che stai utilizzando puoi cliccare su “Aiuto” nella finestra del browser in alto, da cui puoi accedere a tutte le informazioni necessarie.

In particolare i cookie utilizzati in questo sito web servono per:
- memorizzare i dati inseriti dagli utenti durante la loro navigazione, in modo da velocizzare il caricamento delle pagine del sito web e l’inserimento di dati durante le visite successive;
- integrare il sito web con i principali social media (Facebook, Twitter, Google+, Pinterest, YouTube) e in particolare permettere all’utente di condividere i contenuti del sito su queste piattaforme;
- monitorare in forma anonima e aggregata le pagine consultate dagli utenti e altre informazioni sull’utilizzo che questi fanno del sito web, permettendo agli operatori che gestiscono il sito di migliorarne i contenuti e le funzionalità.

Cookie di terze parti
Per le finalità di integrazione con i social media questo sito può installare cookies provenienti dalle singole piattaforme, per le quali vi rimandiamo alle informative dei singoli portali.

Chiudi